pepper

Softbank, una delle più grandi società di tecnologia mobile in Giappone, ha collaborato con Aldebaran Robotics e Foxconn per portare l’ umanità ad un passo più avanti nel mondo della robotica. Diamo il benvenuto a Pepper, il robot interattivo che può capire l’emozione di chi gli parla.I robot sociali interagiscono con gli esseri umani imitando le loro azioni e ruoli nella società. Pepper non è diverso; tuttavia, è dotato della capacità di leggere e comprendere lo stato emotivo della persona che sta parlando. Utilizzando una serie di sensori che analizzano le espressioni facciali, il tono di voce, e altre variabili, cerca di capire come si sente una persona, impara dalle loro reazioni, e forma una sorta di personalità che cresce e si evolve nel tempo, a seconda di come si interagisce con le persone.

A differenza di altri robot umanoidi sociali che cercano di essere simili nell’ aspetto ed in ogni punto degli esseri umani, Pepper è concentrato principalmente sulla sua interazione verso gli umani. Ciò lo possiamo vedere anche dai suoi attributi fisici limitati. Per esempio, egli non utilizza le gambe per camminare, ed ha solo 20 motori in tutto il suo corpo per muoversi.

Tuttavia, Pepper è dotato di telecamere, microfoni, sensori 3D, sensori touch e accelerometri al fine di massimizzare la sua capacità di interazione e comunicazione con l’uomo. Esso è basato sul “Aldebaran Robotics ‘Naoqi” OS, e la connettività Wi-Fi lo consente di connettersi ad un sistema basato sul cloud, il Cocoro SB, che aumenta ulteriormente la sua analisi delle emozioni e le sue funzioni decisionali. Dispone anche di un display touchscreen da 10 pollici sul petto, che gli consente di esprimersi meglio quando diventa necessaria una forma visiva di comunicazione.

Pepper sarà disponibile al pubblico come un’unità robot personale già a febbraio 2015, con prezzo di circa 2.000 dollari.

[via]