batteria

Siete in procinto di uscire, per trascorrere tutta la serata fuori e vi accorgete che la batteria del vostro smartphone è quasi scarica; cosa fare? Seguendo queste indicazioni potrete ricaricare il vostro dispositivo nel modo più veloce ed efficiente possibile. 

1) Attivare la modalità aereo, oppure spegnere completamente il dispositivo

Questo trucco non è probabilmente una novità per alcuni dei nostri lettori. I dispositivi elettronici consumano una piccola quantità di energia della batteria anche quando sono in stand-by. Ma attivando la modalità aereo, il consumo di energia sarà molto minore e ciò dovrebbe tradursi anche in una ricarica leggermente più veloce. Ovviamente meglio ancora spegnere completamente il dispositivo.

Enable-Airplane-mode-or-turn-off-the-device-completely

2) Utilizzare il caricabatterie di serie; evitare la porta USB del computer

Nella maggior parte dei casi, l’ utilizzo del caricabatterie fornito in dotazione col device si traduce in una ricarica più rapida di quest’ ultimo. Questo perché solitamente una porta USB 2.0 emette 0,5 ampere, mentre una porta USB 3.0 fino a 0,9 ampere. Il caricabatterie degli smartphone  invece è capace di erogare almeno 1 ampere, mentre quello dei tablet circa 2 ampere. Ovviamente più ampere vengono emessi, più velocemente si ricaricherà il vostro dispositivo.

3) Utilizzare un caricabatterie che fornisce più ampere

Come riportato poc’anzi, fornire più ampere significa anche ricaricare più velocemente un dispositivo. Quindi, se utilizzeremo il caricabatterie di un tablet per uno smartphone, esso non esploderà ma si ricaricherà più velocemente. Se non ne avete uno, potete acquistarne uno di terze parti che non sono molto costosi.

Leggi anche:  TIM, ecco come ottenere un GB di navigazione internet in regalo

4) Utilizzare il software ufficiale per incrementare l’ amperaggio della porta USB del computer (se disponibile)

Come vi abbiamo già detto, le porte USB della maggior parte dei computer forniscono 0,5-0,9 ampere di corrente. Ci sono delle eccezioni, però. Ad esempio, ASUS mette a disposizione un’applicazione Windows denominata Ai Charger, sviluppata per aumentare l’ output (sulle schede madri compatibili). Anche Gigabyte fornisce un software simile. Informatevi e scaricate il software ufficiale fornito dal produttore del vostro computer.

Use-official-software-to-boost-a-computers-USB-output-if-available

5) Provare ChargeDr

ChargeDr è un USB charge booster che promette di aumentare l’ output di una porta USB del computer. Esso costa circa 20$: se voi utilizzate spesso le porte USB per caricare i vostri dispositivi, potrebbero essere soldi ben spesi.

Try-the-ChargeDr

6) Utilizzare uno di questo

Quello riportato nella foto in basso è un cavo micro USB che può collegarsi a due porte USB contemporaneamente, traendo così energia da entrambe le porte. Dovrebbe essere in grado di ricaricare uno smartphone ad una velocità decente quando non avete una presa di corrente nelle vicinanze.

Or-get-one-of-these

 

 

[via]