IMG_1668

Komu, marchio italiano che lentamente sta diventando sempre più famoso sul nostro territorio, dopo aver prodotto vari terminali di fascia “medio-bassa”, ha deciso di lanciarsi in un nuovo smartphone con un processore degno di dispositivi di fascia “alta”: un MediaTek octa-core. Da quest’idea è nato il Komu K5 Octa+. Con un ringraziamento particolare a Komu per averci fornito il prodotto da testare, eccovi di seguito la nostra recensione completa.

Estetica

IMG_1692

Indubbiamente uno degli aspetti che maggiormente colpisce del K5 Octa+ è l’estetica; in perfetto stile “iPhone”, lo smartphone presenta una forma rettangolare “allungata” con bordi arrotondati. Sulla parte anteriore è possibile trovare fotocamera secondaria e tasti “on-screen” per tornare al menù precedente, tornare alla home o aprire il menù impostazioni.

La parte posteriore, invece, è stata realizzata completamente in plastica “opaca” veramente gradevole al tatto. Quando avrete tra le mani il Komu K5 Octa+ non vi sembrerà di toccare un device in plastica, ma uno smartphone completamente in metallo o alluminio.

Per cercare di offrire una maggiore robustezza (e eleganza) al K5 Octa+, l’azienda ha ottimamente pensato di realizzare il bordo completamente in metallo “zigrinato”. La scelta è davvero carina, lo smartphone guadagna moltissimi punti sull’aspetto estetico e sulla sicurezza, ma ne perde sul peso.

Sebbene le dimensioni siano nella media: 143,3 x 70 x 8,5 millimetri, il peso complessivo, con batteria, è di circa 150 grammi. Il “numero” scritto potrebbe non apparire così grande, ma una volta preso tra le mani il K5 Octa+, forse vi renderete conto che il peso è leggermente superiore alla media.

Da un punto di vista estetico, quindi, il Komu K5 Octa+ è sicuramente un ottimo smartphone, con un design minimale, ma in grado di soddisfare anche l’utente più esigente. Unica nota negativa è il peso, ma comunque non stiamo parlando di oltre 300 grammi, solamente qualche decina di grammi in più rispetto alla concorrenza.

Hardware

IMG_1680

Lo smartphone presenta un display da 5 pollici Full HD con risoluzione a 1920 x 1080 pixel e 16 milioni di colori. Molto luminoso, la qualità delle immagini riprodotte ed il dettaglio con cui queste vengono mostrate all’utente sono davvero un qualcosa di veramente positivo. Se siete tra coloro che sono alla ricerca di un dispositivo il cui schermo sia veramente soddisfacente, sebbene non presenti dimensioni particolarmente elevate (stiamo comunque parlando di un 5 pollici), allora il Komu K5 Octa+ farà sicuramente al caso vostro.

Il processore è un MediaTek MT6592 octa-core con frequenza di clock a 1.7 GHz, accompagnato con una GPU Mali 450MP4. Gli octa-core, al giorno d’oggi, si stanno diffondendo sempre di più. Dopo essere stati “lanciati” dai produttori orientali, ecco che i primi componenti sono sbarcati anche tra le aziende italiane. Il MediaTek in questione, soprattutto se affiancato alla Mali M450MP, è veemente un’ottima CPU che vi garantirà prestazioni di altissimo livello. Dai test benchmark AnTuTu abbiamo potuto constatare che la combinazione dei suddetti elementi è più che buona, il risultato ne è la prova: 26’043 punti. Allo stesso modo, provando ad installare uno dei giochi che richiede una maggior potenza di elaborazione, come Asphalt 8, la risposta del K5 Octa+ è stata anche in questo caso molto buona. La riproduzione è stata impeccabile, non abbiamo riscontrato alcun lag o problema nell’esecuzione dell’applicazione. Se state cercando un device che vi possa servire anche per giocare con gli ultimi titoli rilasciati sul Play Store, allora il Komu risponde alle vostre esigenze.

Altra caratteristica fondamentale del K5 Octa+ è l’essere Dual Sim. Dobbiamo ammetterlo, l’idea di proporre dispositivi in grado di integrare al proprio interno due differenti SIM sta diventando davvero comune. Anche lo smartphone di casa Komu, quindi, vi permetterà di installare due card di differenti operatori telefonici (in questo caso gli slot sono una micro-SIM ed una “vecchia” SIM).

La memoria interna è da 16 GB (espandibile tramite microSD fino a 64GB) con 2 GB di RAM, tutte le connettività di base (Wi-Fi, GPS e Bluetooth 4.0) ed i vari sensori di prossimità, di luce ambientale, giroscopio, accelerometro e led di notifica.

Le caratteristiche tecniche sono davvero all’avanguardia, il Komue K5 Octa+ ha davvero piacevolmente colpito in merito alla potenza di elaborazione, l’ottima GPU installata e, naturalmente, la possibilità di espandere la memoria interna fino a 64 GB.

Fotocamera

Uno degli aspetti fondamentali per un qualsiasi smartphone sul mercato è, naturalmente, la qualità della fotocamera installata. Nel caso del K5 Octa+ troviamo un componente principale da 14.1 megapixel con flash led ed un secondario da 5 megapixel. Solamente una parola può descrivere il comparto fotografico: eccellente.

Leggi anche:  L'Hub Dodocool DC50 6-in-1 aumenta la connettività del tuo PC in modo semplice

Dai nostri test, i cui risultati li trovate esattamente qui sotto, abbiamo potuto piacevolmente constatare la qualità delle fotocamere installata. I dettagli immortalati sono davvero precisi ed i colori ben bilanciati. Sinceramente non avremmo davvero potuto sperare in un qualcosa di migliore, ottimi gli scatti anche in condizioni di scarsa luminosità, il flash, sebbene non sia di grandissime dimensioni, riesce perfettamente ad illuminare il soggetto desiderato.

Anteriormente, invece, con la fotocamera da 5 megapixel riuscirete a scattare “selfie” di altissima qualità. La registrazione video è di soli 720p, ma crediamo che difficilmente inizierete a registrare con la vostra fotocamera secondaria. Di seguito trovate tutti i nostri test, così anche voi potrete effettivamente verificare l’ottimo risultato raggiunto con il Komu K5 Octa+ (cliccate sulle immagini per ingrandirle).

Batteria

La durata della batteria è forse la nota più dolente dello smartphone; Komu ha pensato di integrare un componente non troppo capiente, forse per non appesantire ulteriormente il device, ed il risultato è che difficilmente resterete soddisfatti dalla durata complessiva.

La batteria, da solo 2’000 mAh, vi garantirà una carica, considerata dal 100% al 5%, di circa una giornata intera (se non addirittura meno). Dai nostri test intensivi, con sempre attiva connessione dati, scatti di fotografie, notifiche push, messaggistica tramite WhatsApp e navigazione in rete, il tempo complessivo è stato di “sole” 15 ore di carica.

Considerato l’utilizzo intenso che, al giorno d’oggi, gli utenti fanno del proprio smartphone, sicuramente ci saremmo aspettati qualcosa di più. Forse l’idea di Komu era di non appesantire il device, considerato appunto che già ci siamo lamentati del peso eccessivo, ma ciò non può portare ad una mancanza nelle prestazioni complessive.

Se fino ad ora avevamo ampiamente elogiato lo smartphone, parlando di batteria non possiamo che dire di essere rimasti abbastanza delusi. Sicuramente era necessario un componente più performante ed in grado di garantire una carica maggiore; tuttavia, se ritenete più che accettabile una carica di circa una giornata, allora il Komu K5 Octa+ è perfetto per voi.

Software

IMG_1695

La memoria interna disponibile, come abbiamo visto poco sopra, è di 16 GB, ma , come in tutti gli smartphone commercializzati sul mercato, effettivamente l’utente non potrà mai sfruttare appieno l’intera quantità installata. Komu, di default, presenta sul dispositivo tutte le Google Apps di base: Drive, Gmail, Ricerca Google, Hangout e Maps (assente YouTube). Questo, ed altre piccole “personalizzazioni”, portano l’utente ad avere a disposizione solamente 8,06 GB di spazio libero complessivo (ricordiamo essere espandibile tramite microSD).

Chiamate e connettività

Lo smartphone presenta tutte le connettività di base: wi-fi, bluetooth e GPS. Dai nostri test abbiamo potuto effettivamente verificare che le antenne e le varie componenti sono state perfettamente installate, e funzionano senza alcun tipo di problema. La navigazione GPS, ad esempio utilizzando Google Maps, è risultata essere precisa ed efficace. La connettività wireless, ci siamo collegati più volte a vari router, è stata ottima, il segnale è stato sempre recepito correttamente dal K5 Octa+. La connessione bluetooth, infine, non ha mostrato lacune; collegando lo smartphone a diversi accessori, ricordando infatti che il bluetooth è già alla versione 4.0, non abbiamo avuto nessun tipo di problema.

La connessione dati, sebbene non ci trovassimo in una metropoli e, come potete osservare dalle nostre prove fotografiche, più volte siamo stati in aperta campagna, il segnale è sempre stato buono; naturalmente non potrete pretendere di aver sempre tutte “le tacche” piene, ma il dispositivo si collegherà tranquillamente alla cella più vicina.

Conclusioni

Il Komu K5 Octa+ si è rivelato essere un ottimo smartphone per diversi motivi (rivediamoli assieme):

  • Display di altissima qualità
  • Processore in grado di riprodurre tranquillamente anche gli ultimi giochi ad alta definizione
  • Prezzo contenuto, viene commercializzato a circa 350 euro (qui per acquistarlo)
  • Fotocamera veramente ottima

Gli aspetti negativi, invece:

  • Peso forse eccessivo
  • Batteria (da 2000 mAh) troppo poco capiente

In conclusione possiamo ritenerci abbastanza soddisfatti del Komu K5 Octa+ e lo consigliamo a quegli utenti che sono alla ricerca di un ottimo smartphone dalle grandi prestazioni. Se state cercando un dispositivo che possa garantirvi l’esecuzione perfetta di tutti i titoli e sia in grado di scattare istantanee in altissima definizione, allora questo è il dispositivo che fa per voi. Sappiate però che la batteria non potrà garantirvi una “lunga tenuta”, dovrete ricaricare lo smartphone almeno una volta al giorno.

Il voto conclusivo è 8+. Di seguito la videoreview.