IMG_1135

L’Umi Cross è uno degli innumerevoli phablet che, lentamente, stanno sommergendo l’intero mercato mobile. Dopo aver parlato dei vari Sony Xperia Z Ultra, Galaxy Mega 6.3 e similari di marche famose in tutto il mondo, è doveroso dare spazio anche ai prodotti provenienti dall’oriente, non per questo meno performanti e affidabili rispetto ai device di altre aziende. Con un particolare ringraziamento a Umistore.it, nei giorni scorsi in redazione ci è stato recapitato l’Umi Cross e oggi, in seguito ad una serie di test, vi proponiamo la nostra recensione completa.

Estetica

Dopo avervi raccontato dell’unboxing (qui per il nostro articolo), parliamo dell’estetica dell’Umi Cross. Il dispositivo, innanzitutto, presenta dimensioni veramente notevoli, per questo motivo è doveroso sottolineare che un device con display da 6.44 pollici deve piacere, altrimenti lo troverete solamente ingombrante e quasi inutile. Detto questo, l’Umi Cross presenta una forma rettangolare con bordi arrotondati, senza tasti fisici sulla parte anteriore, ma solamente on-screen, che vi permetteranno di tornare alla schermata principale, aprire il menù “Opzioni” o fare un passo indietro e tornare alla schermata precedente. I suddetti risultano essere completante retroilluminati (di una luce tendente all’azzurro) ed hanno forma decisamente accattivante e “alla moda”.

La parte posteriore, invece, completamente in plastica, presenta una cover bianca “pixelata”, ovvero osservandola da vicino potrebbe apparire come cosparsa da molti pixel che cambieranno “luminosità” in relazione alla quantità di luce che li colpisce. Gli unici tasti fisici sono posizionati sui bordi, in particolare solamente su quello destro, dove è possibile trovare il pulsante di accensione/spegnimento e del volume.

Da un punto di vista estetico il Cross risulta essere in linea con gli altri dispositivi del settore, effettivamente le linee sono veramente simili a quelle di un Galaxy Mega 6.3, senza presentare particolari differenze. Il peso, di 232 grammi, è forse superiore alla media, quello del suddetto Samsung è di 199 grammi, ma ciò non lo penalizza ne lo rende particolarmente ingombrante.

[alpine-phototile-for-picasa-and-google-plus src=”user_album” uid=”110848107923548095330″ ualb=”5996529955908667057″ imgl=”fancybox” style=”gallery” row=”4″ grwidth=”800″ grheight=”600″ size=”320″ num=”13″ align=”center” max=”100″]

Hardware

IMG_1177

Le caratteristiche tecniche dell’Umi Cross sono davvero di tutto rispetto. Il display, da 6.44 pollici FHD con risoluzione a 1920 x 1080 pixel e 16 milioni di colori (oltre 440 ppi), è davvero molto interessante. I colori riprodotti sono vivi, ben bilanciati e tutti i dettagli sono praticamente perfetti. Uno schermo così ampio lo rende particolarmente utile per leggere libri, navigare in rete, scattare foto e giocare.

Proprio per quest’ultimo punto parliamo del processore, un MediaTek 6589T, Cortex A7 quad-core con frequenza di clock a 1.5 GHz. Sulla carta dovrebbe essere un ottimo componente, ma nella realtà come funziona? ebbene sappiate che dopo numerosi test abbiamo potuto osservare che la CPU risponde bene, anche se non in maniera eccezionale. Per curiosità abbiamo installato il test benchmark AnTuTu ed il punteggio rilevato è stato di 14’294; un risultato nella media, ma che non denota una particolare propensione verso applicazioni che richiedono grandi elaborazioni grafiche e di calcolo.

La GPU installata è una PowerVR SGX 544 che, se messa sotto pressione con l’esecuzione del gioco di casa Gameloft Asphalt 8, riscontra particolari difficoltà. In effetti, come potrete osservare dal video inserito in fondo all’articolo, la riproduzione del gioco non sarà perfettamente fluida, anzi in molte occasioni andrà a scatti, tanto da non rendere l’esperienza particolarmente interessante. Per fortuna UmiStore ha pensato anche a questo con un comando a terminale che, in caso di necessità, abbassa momentaneamente la risoluzione per facilitare il lavoro alla scheda video eliminando i lag. Viceversa, per l’esecuzione di altre applicazioni, tutto funzionerà correttamente, come un normale quad-core.

Proseguendo nell’analisi delle specifiche troviamo inoltre 32 GB di memoria interna (espandibile tramite microSD fino a 64GB), 2 GB di RAM e tutta la connettività di base (bluetooth, Wi-Fi, sensore di gravità, accelerometro, sensore di prossimità e altre ancora).

Se quanto scritto finora non vi fosse bastato, l’UMI Cross è un dispositivo Dual SIM, ovvero avrete la possibilità di installarvi all’interno ben due differenti card (di quelle “vecchie” di grosse dimensioni per intenderci) con altrettanti numeri di telefono. La gestione da parte del software è risultata essere perfetta, nei messaggi verrà visualizzato il numero sul quale è stato scritto e, per rispondere, potrete scegliere quale sim utilizzare. Come per la maggior parte dei Dual SIM in commercio, ricordate di impostare correttamente tramite quale card attivare la connessione dati, per evitare di pagare cifre spropositate a causa di collegamenti errati.

Non dimentichiamo infine, anche se la tecnologia non è molto diffusa in Italia, la presenza del chip NFC, che vi permetterà di comunicare con altri device o effettuare pagamenti senza fili. Di seguito i risultati dei test benchmark (premere sulle immagini per vederle correttamente):

[alpine-phototile-for-picasa-and-google-plus src=”user_album” uid=”110848107923548095330″ ualb=”5996649182553467169″ imgl=”fancybox” style=”gallery” row=”4″ grwidth=”800″ grheight=”600″ size=”320″ num=”13″ align=”center” max=”100″]

Fotocamera

IMG_1153

Nelle specifiche sopra elencate non abbiamo, volutamente, parlato della fotocamera. Ad oggi, quando acquistate uno smartphone, uno degli aspetti che più tenete in considerazione è la qualità del comparto fotografico. L’Umi Cross presenta una fotocamera posteriore da 13 megapixel (con flash LED e messa a fuoco automatica), in grado di scattare istantanee fino a 4096 x 3072 pixel di risoluzione e registrare video fino a 1080p.

Anteriormente, invece, trovate una fotocamera da 8 megapixel, in grado di scattare immagini di elevata qualità. Dai nostri test abbiamo potuto osservare da vicino i grandi risultati che la componente da 13 megapixel è in grado di offrire. I dettagli, in ogni immagine scattata alla massima risoluzione possibile, sono veramente perfetti, la luce è sempre ben bilanciata e difficilmente il sistema vi permetterà di scattare una foto “mossa”.

Leggi anche:  iRobot Braava Jet, la recensione del lavapavimenti al giusto prezzo

Dobbiamo ammettere di essere rimasti veramente colpiti, 13 megapixel non sono pochi, ma nemmeno moltissimi se paragonati ad altre fotocamere attualmente in commercio; nonostante ciò la qualità raggiunta è di alto livello, tanto che, se foste interessati a smartphone performanti da un punto di vista fotografico, l’Umi Cross farebbe sicuramente per voi.

[alpine-phototile-for-picasa-and-google-plus src=”user_album” uid=”110848107923548095330″ ualb=”5996499221160863553″ imgl=”fancybox” style=”gallery” row=”4″ grwidth=”800″ grheight=”600″ size=”320″ num=”13″ align=”center” max=”100″]

Batteria

IMG_1163

Oltre all’aspetto legato alla qualità della fotocamera, l’altra componente fondamentale di un qualsiasi smartphone è la durata della batteria. Come abbiamo indicato in precedenza, il componente è veramente capiente, ben 4’180 mAh; una potenza che, vi assicuriamo, garantirà una grande longevità del prodotto. Dai nostri test, considerando un utilizzo intensivo dell’Umi Cross (notifiche push attive, navigazione GPS, navigazione web, connessione dati attiva, esecuzione giochi e messaggistica istantanea), abbiamo notato che in 18 ore di utilizzo la carica è diminuita del 45%, ciò sta a significare che abbiamo ancora il 55% di carica.

I calcoli sono semplici, la batteria vi garantirà oltre 36 ore di utilizzo, quindi potrete trascorrere tranquillamente circa 2 giorni senza dover continuamente ricaricare il vostro device. Tuttavia, nel caso in cui il Cross si trovasse a meno del 20% di carica, sappiate che disattivando la connessione dati, lo smartphone smetterà quasi totalmente di scaricarsi. In un test, infatti, alle 15 di pomeriggio avevamo circa il 15% di batteria, disattivato tutto e lasciato il Cross in standby, alla sera alle 23 presentava ancora il 12% di carica.

Le conclusioni sono ovvie, il dispositivo integra una batteria veramente performante e soddisfacente. Lo schermo è ampio, la risoluzione è ottima, ma tutto è correlato con un componente veramente all’altezza.

Software

IMG_1172

Il software, forse, è la parte più interessante di tutti i prodotti Umi commercializzati dall’Umistore.it. Tutti gli smartphone marchiati UMI provengono direttamente dall’oriente, ma, prima di essere venduti sul mercato italiano vengono presi in consegna dallo store online e leggermente modificati.

Nel tentativo di offrire il miglior servizio possibile agli utenti italiani, i ragazzi dell’Umistore provvedono a modificare il device installando una ROM (in versione Umistore) che adatterà lo smartphone all’utenza locale; tuttavia, nel caso in cui non foste soddisfatti, direttamente a questo link è possibile trovare tutte le informazioni del caso per re-installarla in versione custom o per apportare numerose modifiche. Quali vantaggi porta?

Naturalmente avrete ottenuto permessi molto maggiori rispetto a quelli di un normale smartphone, tanto che potrete scegliere tra quattro differenti launcher, quattro player musicali e moltissime altre personalizzazioni. Di base, invece, i ragazzi dell’UmiStore provvederanno ad installare tutte quelle applicazioni che, secondo loro, potrebbero tornare utili ad un normale utente.

Sfortunatamente non troviamo pre-installate tutte le Google Apps, ma basterà una connessione alla rete (in particolare al Play Store) per impostare il download gratuito e scaricarle direttamente nella memoria interna del device. Gli aggiornamenti di sistema verrà trasmetti direttamente tramite un OTA interno all’UmiStore, il che vi permetterà di accedere a canali personalizzati per effettuare l’update del vostro Umi Cross.

Concludono la lunga lista di app “anomale” installate sul device l‘app terminale, Viper, SuperSu e Xposed Installer. Se appartenete alla stretta cerchia dei cosiddetti “smanettoni”, forse le conoscerete già; in caso contrario sappiate che sono applicazioni realizzate per offrire all’utente la possibilità di apportare “profonde” modifiche alle impostazioni del sistema operativo. Per questo motivo, nel momento in cui riceverete il vostro Cross, prima di modificare le voci siate sicuri di aver letto la guida ufficiale all’utilizzo.

Da un punto di vista software non avremmo potuto aspettarci di più, l’Umistore controlla e segue tutti i propri prodotti. Nel caso in cui installerete una ROM non ufficiale, la garanzia di 24 mesi sarà sempre valida, a meno che il telefono non vada in “brick”, in quel caso dovrete pagare per la sostituzione dei pezzi e le spese di spedizione.

Chiamate e  Connettività

Un phablet da 6.44 pollici, si pensa, non sia appositamente realizzato per chiamare. In effetti dobbiamo ammettere di aver riscontrato parecchie difficoltà nell’avvicinare all’orecchio il terminale, tanto che in alcune occasioni sembrava quasi di telefonare con un tablet da 7 pollici. Tralasciando questo “piccolo” particolare,  la qualità del microfono è ottima, la riproduzione della chiamata avviene in maniera perfetta anche in modalità “Vivavoce”.

Parlando della connettività, invece, la componente principale è il chip NFC. Dopo alcuni test con un auricolare in grado di connettersi tramite tale tecnologia, abbiamo potuto dimostrare che tutto funziona correttamente; il riconoscimento appare rapido e senza alcun tipo di problema. Lo stesso discorso vale per la connettività Wireless, 3G e bluetooth.

Conclusioni

L’UMI Cross ha superato tutti i nostri test, se non per la qualità del processore installato all’interno. Se i produttori avessero deciso di adottare un componente più performante, molto probabilmente avrebbe riscosso maggior successo in tutto il mondo. I punti di forza sono una fotocamera di altissimo livello, uno schermo in grado di presentare un PPI superiore a quello del Galaxy S4 e grande possibilità di personalizzazione del sistema operativo.

I punti deboli, invece, sono dimensioni troppo generose (anche se questo dipende da persona a persona), un peso di oltre 220 grammi (in una borsa o in uno zaino inizia ad essere ingombrante) ed un processore non all’altezza della qualità generale dell’UMI Cross.

In conclusione il phablet è un buon prodotto da consigliare a coloro che desiderano un device di grandi dimensioni, con caratteristiche tecniche mediocri (soprattutto nell’esecuzione dei giochi) e con prezzo relativamente contenuto.

L’UMI Cross può essere acquistato direttamente dall’UmiStore.it al prezzo di 360 euro. Di seguito la nostra videorecensione completa.