la-fi-tn-google-glass-luxottica-rayban-oakley--001

 

Grandi notizie arrivano per l’Italia, che ora si potrà vantare in tutto il mondo dei Google Glass “Made in Italy”, grazie alla partnership appena stipulata tra il colosso di Mountain View e l’italiana Luxottica.

Solo qualche ora fa è giunto infatti l’annuncio da Google, che ha ora deciso di unire le sue forze con l’azienda italiana Luxottica, un gruppo leader nella produzione e nella vendita di occhiali da sole e da vista, sia di lusso che sportivi, che possiede oltre 5.000 negozi di ottica negli Stati Uniti e gode di un ampio portafoglio di marchi che include Ray-Ban, Oakley, Vogue-Eyewear, Persol, Oliver Peoples , Alain Mikli e Arnette. 

Nel corso del tempo l’uso degli occhiali ha subìto una decisa evoluzione, che li ha portati a diventare non più solo funzionali, ma dei veri e propri accessori di moda, in grado di arricchire e completare qualsiasi look. Il passo avanti si è avuto con Google che ha lanciato i suoi rivoluzionari occhiali a realtà aumentata, i Google Glass. Ora la storia è destinata a proseguire, con la partnership tra Google e l’azienda Luxottica, che andrà ad arricchire gli occhiali intelligenti con uno stile tutto nuovo. Già all’inizio dell’anno Google aveva dimostrato la sua intenzione di rendere i Google Glass desiderabili anche a livello estetico, non solo per le loro funzionalità, e per questo aveva realizzato la Titanium Collection dei Google Glass Explorer Edition.

Leggi anche:  Vodafone, diventa partner digitale di FICO con gli ultimi servizi innovativi

Grazie alla collaborazione con Luxottica, probabilmente saranno molti gli stili nei quali arriveranno i Google Glass, adatti a soddisfare le preferenze di tutti i clienti, e oltre a ciò si pensa che anche la commercializzazione e la distribuzione dei Google Glass sarà molto facilitata dall’utilizzo dei canali di distribuzione al dettaglio e all’ingrosso di Luxottica. Luxottica sarà sicuramente decisiva nell’aprire la strada alla diffusione dei Google Glass tra il pubblico, per cui ben venga questa partnership tutta “made in in Italy”.

via