4g

LTE e 4G sentiamo spesso questi termini che si riferiscono al tipo di connessione dati di ultima generazione che in Italia stenta a decollare. Ma i motivi di una mancata diffusione della rete 4G è dovuta solo alla copertura che è limitata a poche città oppure ci sono altri motivi?

Senza fare ipotesi e congetture limitiamoci ai fatti. I fatti dicono che nelle città in cui la copertura 4G esiste, ancora molto poche, le differenze con la rete 3G non si vedono o per dirla tutta si vedono solo nel consumo dati e non in una reale differenza di velocità.

In una prova empirica realizzata con il Galaxy Note 3 i risultati sono stati questi

3G

4g

La differenza di velocità è praticamente nulla e l’unica cosa che si nota è il consumo spropositato di dati, per la sola prova realizzata con l’applicazione Speedtest, due prove sotto rete 4G della durata di un minuto al massimo, ho consumato la bellezza di 167MB. Altra cosa che accade quando si utilizza il 4G è una riduzione del segnale cosa che, invece, non avviene con il 3G.

A questo punto mi chiedo quanto la poca diffusione della rete 4G sia anche dovuta agli operatori stessi che per far godere di una rete “ultraveloce”, come appunto quella 4G, dovrebbero offrire pacchetti tutto incluso con una quantità di dati spropositati.

Ora sono due le domande che mi sorgono: primo non credo che alle compagnie convenga e la seconda è se allo stato attuale delle infrastrutture gli operatori telefonici siano in grado di sostenere una tale quantità di dati.

Difficile trovare una risposta a meno che non arrivi dai diretti interessati, le compagnie telefoniche, che come sappiamo non sono certo facili a svelare le proprie strategie. Basandoci sui fatti le compagnie che offrono pacchetti dati in 4G sono TIM e Vodafone, ma non in tutta Italia e con costi decisamente proibitivi. Anche la TRE dichiara che con le proprie sim è possibile navigare in 4G ma la copertura è poca e anche se dovrei essere coperto non sono mai riuscito a navigare in 4G.

Facendo una media tra le offerte dei vari operatori, esclusa WIND che non ha al momento questo tipo di pacchetti, per navigare in 4G occorrono 35€ al mese per avere 15GB di dati a disposizione. Non vi fate ingannare dai 15GB non sono assolutamente tanti si potrebbero paragonare ad 1GB o forse 2GB in 3G. La tariffa si riferisce solo ai dati quindi se volete anche minuti occorrerà aderire ad altre offerte con ulteriore spesa.

Questo per quanto riguarda copertura e tariffe, poi c’è un’altra considerazione da fare prima di concludere. La questione ancora aperta è quanto effettivamente ci serve connetterci in 4G?

Allo stato attuale in cui le differenze non si notano, se non nel consumo dati eccessivo e nelle tariffe esagerate, non serve assolutamente a niente. La maggiore velocità di navigazione che viene sbandierata non è assolutamente veritiera, tranne in upload con velocità intorno i 10 Mbs, e solo quando lo sarà e le tariffe saranno accessibili e la rete coprirà tutta l’Italia allora se ne potrà parlare.