Intel-logo

Al MWC oltre la presentazione di nuovi smartphone da parte delle case produttrici sono presenti anche i produttori di una delle parti fondamentali dei nostri amati device, i processori.

Intel ha tenuto una conferenza in cui è stato messo subito in evidenza la grande mole di connettività richiesta negli anni a venire, a dirlo la presidente di Intel Renèe James:

“Entro il 2020 avremo oltre 20 miliardi di oggetti connessi alla Rete, i quali produrranno una mole di dati senza precedenti”.

Intel, ovviamente, sarà pronta a tutto questo e diversificherà la propria offerta in base alle diverse esigenze del mercato. Si è parlato, poi, delle nuove collaborazioni intraprese e di due nuovi processori Atom per tablet e smartphone.

Lo Z3480 “Merrifield” (2.13GHz), è pensato per il mainstream e per i prodotti ad alte prestazioni. Il nuovo chip è basato su Silvemont e i primi prodotti equipaggiati con questo processore saranno disponibili nel secondo quadrimestre dell’anno. La seconda novità, invece, è un processore Atom QuadCore chiamato “Moorefield”. Disponibile solo dalla seconda metà del 2014 e supporterà il computing a 64 bit. Rispetto a Merriefield, sarà ancora più veloce e performante (2,3 GHz).