eterni_screenshot

 

La perdita di una persona cara è un evento così devastante che spinge le persone a cercare in tutti i modi di rivivere il passato ed questo è proprio quello che si propone il nuovo servizio Eterni.me.

Non si sa dove vadano le persone defunte nè se davvero un giorno sarà possibile incontrarle di nuovo. Il servizio Eterni.me però non pensa al futuro ma al presente, pur basandosi essenzialmente sul passato. Il sito infatti si propone di rendere possibile il comunicare con i morti, o meglio con i loro avatar ricostruiti digitalmente utilizzando un software sviluppato dai ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (MIT).

Grazie a questo servizio basterà un computer per diventare immortali. Il servizio web www.eterni.me permette infatti di ricostruire digitalmente la personalità di una persona, dopo la sua morte. “Eterni.me raccoglie quasi tutto ciò che si crea durante la vostra vita e processa questa enorme quantità di informazioni utilizzando algoritmi complessi di intelligenza artificiale”, è stato dichiarato sul sito web. “Esso genera un avatar virtuale che emula la vostra personalità e in grado di interagire con la famiglia e gli amici dopo esser passato lontano. E’ come una chat di Skype dal passato. ” è stato aggiunto aggiunto.

Per registrarsi, gli utenti devono fornire al servizio Eterni.me l’accesso alle proprie attività online come i log delle chat, gli account dei social network ed e-mail. Le informazioni vengono poi utilizzate per costruire una personalità digitale con tanto di avatar, capace di comunicare con amici e persone care dopo che una persona muore, utilizzando i modi e le espressioni della persona “ricostruita”. Il servizio intende anche assicurare agli utenti la scoperta di eventi importanti, avventure e pensieri della loro vita che saranno resi accessibili alle generazioni future che, altrimenti, non ne sarebbero mai venuti a conoscenza.

Il sito, dopo essere stato pubblicato, ha ricevuto 36.000 visite e 1.300 iscrizioni via e-mail in appena 24 ore. Questo perchè le persone che se ne vanno restano sempre con chi le ama e, se questo servizio potrà servire a farcele sentire ancora vicine, ben venga!

via