angry_birds_friends-630x307Angry Birds potrebbe essere utilizzato dai servizi segreti come NSA e l’Intelligence britannica per spiare tutti gli utenti in possesso di uno smartphone Android e del gioco della Rovio. Scopriamo tutti i dettagli!

Ormai non si può più giocare nemmeno con il proprio smartphone o tablet Android! Purtroppo è la dura realtà e lo dimostra lo scandalo della Rovio, infatti, la stessa società tramite il gioco avrebbe catturato i dati sensibili dell’utente come la posizione, l’ip, il modello del telefono e tanto altro. Tutti i dati catturati sarebbero stati messi a disposizione dell’NSA e l’Intelligence britannica per scoprire gli spostamenti e le abitudini dell’utente.

Ecco il comunicato ufficiale (tradotto con Google Traduzioni):

” Espoo , Finlandia – 28 gennaio – Rovio Entertainment Ltd , che ha sede in Finlandia , non condivide i dati , collaborare o collusi con tutte le agenzie di spionaggio governative come la NSA o GCHQ in tutto il mondo . Ci sono state speculazioni dei media che gli obiettivi NSA Angry Birds per raccogliere dati dell’utente finale . La speculazione si basa sulle informazioni provenienti da documenti trapelati da Edward Snowden . Il presunto vigilanza può essere condotta attraverso terzi reti pubblicitarie partito utilizzato da milioni di siti web commerciali e le applicazioni mobili in tutti i settori . Se le reti pubblicitarie sono infatti mirati , sembrerebbe che nessun dispositivo abilitato per Internet che visita i siti web ad- enabled o utilizza applicazioni ad- enabled è immune a tale sorveglianza . Rovio non consente alcuna rete di terze parti di utilizzare o consegnare i dati degli utenti finali personali da applicazioni di Rovio .

” La fiducia dei nostri tifosi è la cosa più importante per noi e prendiamo molto sul serio la privacy . Noi non collaboriamo , colludere , o condividere i dati con le agenzie di spionaggio in tutto il mondo . Come la presunta sorveglianza potrebbe accadere attraverso terze reti pubblicitarie partito , il discorso più importante da avere è come garantire la privacy degli utenti è protetta evitando l’impatto negativo su tutto il settore della pubblicità e le innumerevoli applicazioni mobili che si basano su reti pubblicitarie ” , ha detto Mikael Hed , CEO di Rovio Entertainment.

“Al fine di proteggere i nostri utenti finali , ci sarà , come tutte le altre aziende che utilizzano reti pubblicitarie di terze parti , devono rivalutare lavorare con queste reti , se vengono utilizzati per scopi di spionaggio . “

[Via]