images (1)

ULTIM’ORA: Per abbattere ulteriormente i costi di produzione dei propri dispositivi, Samsung ha deciso di costruire in Vietnam il suo più grande stabilimento produttivo (in Vietnam infatti, il costo della vita è molto inferiore rispetto alla Cina).

Alla costruzione dell’edificio, sono impegnate oltre diecimila operai, per un progetto di oltre 2 miliardi di dollari. La fabbrica darà vita ai nuovi Smartphone e Tablet, ma produrrà anche elettrodomestici della casa sudcoreana. Lo stabilimento si trova nella regione di Thay Nguyen, e per ben tre ore (nei giorni scorsi) è stato teatro di una rivolta sanguinosa e cruenta. I disordini sono iniziati con il lancio di pietre da parte degli operai, e con l’accensione di alcuni incendi. Per placare la rivolta sono è stati necessari l’intervento della polizia locale. Il tumulto è stato testimoniato anche da alcuni video, che girano in rete, attraverso cui alcuni passanti registrano le colonne di fumo sprigionate dai containers incendiati. Gli operai hanno inveito anche contro le moto della polizia locale.  Alcuni siti riportano un vero e proprio bollettino di guerra, con una dozzina di feriti e ben 8 morti. Per quanto riguarda i morti, non abbiamo nessuna notizia ufficiale in merito. Alla base della sanguinosa rivolta ci sarebbero alcuni diverbi sulle norme di sicurezza del cantiere. Sul web circolano alcuni video della rivolta che vi abbiamo postato.