Samsung-logo

Samsung è una delle aziende dominanti dell’attuale mercato smartphone anche se il suo dominio è ultimamente minacciato dai produttori dei mercati emergenti che con nomi come Xiaomi, Oppo, Huawei e molti altri portano sugli scaffali dei terminali di ottima fattura ma a prezzi molto competitivi rispetto ai più blasonati marchi.

Samsung quindi in vista del rilascio futuro dei suoi prossimi top di gamma, Galaxy S5 e Note 4, inizia a pensare a come proporre qualcosa di molto competitivo e a prezzi forse più accessibili. L’azienda per intervenire su tutto ciò quindi sembra stia pensando di sostituire l’ormai conosciuta tecnologia Amoled con quella LCD PLS per la produzione dei display per i prossimi smartphone top di gamma.

La ragione di tutto ciò sarebbe appunto il prezzo visto che secondo i dati questa variazione di tecnologia porterebbe a un risparmio di circa il 20% che facendo i conti con le quantità utilizzate da Samsung si trasforma in un risparmio veramente molto elevato.

Gli utenti naturalmente sperano che questo non intacchi la qualità visto che pur avendo i suoi difetti la tecnologia Amoled è ormai molto apprezzata soprattutto grazie ai suoi colori brillanti e forti pur a volte sovradimensionati di colore.

Leggi anche:  Samsung Galaxy A3 2016, l'aggiornamento a Nougat blocca la ricarica della batteria all'87%

Il tutto è, naturalmente, ancora solo una voce che si va ad aggiungere a quelle già esistenti sul Galaxy S5 e sul Note 4 quindi vanno prese veramente con le pinze anche perché spesso molte valutazioni non superano la fase embrionale e quindi restano soltanto all’interno dell’azienda anche se tutto questo ci fa pensare come Samsung stia pensando veramente a tutto pur di ottenere dei prodotti di fascia high-end superiori a qualsiasi concorrente.

via