Launcher kitkat (3)

 

È arrivato nella serata di ieri sera senza grandi annunci o conferenze stampa dei grandi eventi, stiamo parlando del Nexus 5 e del nuovo sistema operativo che porta con sé.

Android 4.4 Kitkat è stato finalmente svelato o meglio sappiamo che è montato sul Nexus 5 ma non lo abbiamo ancora visto in azione. Però grazie alla comunità di sviluppatori XDA abbiamo potuto averne un primo assaggio grazie al launcher messo a disposizione di tutti coloro che hanno un dispositivo con Jelly Bean.

Lo abbiamo testato su un Samsung Galaxy S2, su un Samsung Galaxy Note 3 e sul Nexus 7 2013.

La prima cosa che si nota è la grande e preponderante influenza che è stata data a Google Now che ora è parte integrante della homescreen sia perché per accedervi basta uno swipe da sinistra verso destra sia perché la barra di ricerca è fissa su ogni schermata. Ora nella homescreen è possibile aggiungere quante schermate vogliamo ma solo se aggiungiamo applicazioni e non si ha più la possibilità dello scorrimento continuo.

Launcher kitkat (1)

Una soluzione un po’ alla iOS che non ho trovato particolarmente azzeccata, parere del tutto personale e che potrebbe essere influenzato dall’abitudine, bisognerà poi vedere come i vari brand decideranno di impostare sui propri device il launcher di kitkat.

La creazione di una cartella è molto semplice ed immediata, basta sovrapporre un’app all’altra e si crea una cartella.

Launcher kitkat (2)

Altra novità è che nell’app drawer sono presenti tutte le applicazioni senza trovare più i widget a cui è possibile accedere dal tasto menù nei Galaxy oppure tenendo premuto il dito sulla schermata fino a quando non compaiono tre icone che consentono di variare lo sfondo, di accedere alla pagina dei widget e, infine, alle impostazioni di Google Now questo su tutti e tre i dispositivi testati.

Launcher Kitkat (4)

Il cambiamento è sostanziale, la grafica migliorata come anche la gestione delle pagine dei widget che hanno sempre presentato dei lag anche sui dispositivi più performanti. Ora queste differenze possono piacere oppure no, ma attualmente è questo lo stato delle cose. Vedremo se ci saranno miglioramenti o differenze con il tempo.