cyanogenmod_wallpaper_by_kampinis-d5z70xn-600x400

CyanogenMod è una delle più grandi realtà di ROM personalizzate per dispositivi Android e grazie al suo team riesce a supportare praticamente quasi tutti i cellulari di questo fantastico sistema operativo. CyanogenMod però è oggi diventata un’azienda vera e propria e naturalmente questo porta grandi novità che gli sviluppatori hanno annunciato al Big Android BBQ 2013 (BABBQ) 

Il team infatti ha dichiarato ufficialmente che la loro ROM sarà disponibile in due versioni in modo che sempre più utenti possano goderne rendendola di fatto più accessibile a qualsiasi tipo di utente. Le due versioni saranno chiamate rispettivamente con delle piccole differenze.

Community Edition sarà la versione che tutti oggi conosciamo e quindi dedicata e supportata dalle community con tutte le modalità di installazione e di aggiornamento classiche che però non tutti sono pronti ad utilizzare. Le princiapali caratteristiche di questa versione saranno

  • Progettato per hackability
  • Utente Debug
  • Firmato con le chiavi conosciute
  • Root abilitato come impostazione predefinita
  • Supporto dalla comunità
  • Altamente flessibile come sistema di aggiornamento

Pro Edition invece sarà una versione per gli utenti meno esperti che non sono disposti ad rootare il terminale per esempio oppure non vogliono cimentarsi nell’installazione tramite recovery personalizzate. (Il nome comunque ci sembra poco azzeccato visto che fa intuire erronamente a qualcosa di più avanzato). Le principali caratteristiche della versione Pro saranno

  • Progettato per la sicurezza
  • Firmato con chiavi private
  • Aggiornamento automatico semplificato
  • Costruito sulla base del progetto OSS
  • Root disabilitato, sarà possibile abilitarlo
  • Nuovi aggiornamenti ogni due settimane (niente nyghtly)
Leggi anche:  Iliad Italia sempre più presente in Italia, ecco tutte le novità del nuovo operatore telefonico

CyanogenMod quindi dopo essere diventata ROM stock per l‘Oppo N1 punta a tutti gli utenti che vogliono scegliere e abbandonare la ROM stock senza però cimentarsi con ROM personalizzate dando di fatto un’esperienza nuova senza dover correre il rischio per un utente newbie di rovinare il proprio smartphone.

Vi piace quest’idea del Team Cyano? Di sicuro speriamo soltanto che gli sviluppatori non si basino troppo su idee commerciali abbandonando l’anima stessa che ha reso questa ROM tanto famosa.

via