hand-gesture-google-patent

I Google Glass non saranno disponibili sul mercato prima di qualche anno ma già possiamo farci un’idea di come sono e di come funzioneranno anche se l’azienda sembra stia lavorando molto su questo nuovo e innovativo progetto.

Ma come funzionano questi occhiali futuristici? Fino ad oggi pensavamo soltanto con Google Now e quindi con la voce ma forse non tutte le operazioni si possono fare a voce. Ecco come Mountain View vuole risolvere il problema

Quando il prodotto sarà introdotto sul mercato dovrà essere quindi pronto e immediato per qualsiasi tipo di esigenza. Google sembra stia pensando quindi  a come poterli farli interagire con l’utente in più modi e non soltanto tramite la voce. Dalle ultime notizie infatti apprendiamo che il progetto risale al 2011 e chiamato “Gesti delle mani per far capire cosa si vuole” e quindi una serie di gesti o gestures in lingua originale che visti attraverso i Google Glass attiverebbero determinate funzioni.

Come mostrato nell’esempio dell’immagine sopra prelevata dal brevetto, questo sistema potrebbe utilizzare le telecamere e individuare i gesti delle mani, come una forma di cuore, che potrebbe poi essere usato come “obiettivo” per inquadrare l’oggetto di interesse su cui magari ricevere informazioni. 

L’esempio del cuore può sembrare banale ma è forse un inizio per permettere agli utenti di creare gestures personalizzate ognuna con una funzione diversa.

Vi piace questa idea per far funzionare i Google Glass?

via