hacker

La sicurezza sul web ha sicuramente fatto dei grossi passi avanti negli ultimi anni però ci sono sempre menti geniali che riescono a superare qualsiasi difesa e insediarsi nel codice di un sito web infettandolo o modificandolo. Nella giornata di ieri infatti un grosso attacco Hacker ha coinvolto addirittura i siti internet dei noti antivirus AVG e Avira insieme a quello di Whatsapp

Si avete capito bene, dei siti di Antivirus “bucati” e messi a nudo di tutte le protezione da abilissimi hacker che hanno utilizzato un DNS redirection per riportare tutto il traffico a un messaggio di politico da parte di attivisti palestinesi. E’ infatti proprio dalla palestina che arriva l’attacco, il Team di  chiamato KDMS ha infatti rivendicato il messaggio. Chi infatti nelle scorse ore di accedere al sito dei due antivirus o su quello del noto programma di messaggistica istantanea Whatsapp veniva reindirizzato a un video youtube con l’inno palestinese accompagnato da un messaggio che riportiamo qui di seguito

attacco_kdms whatsapp

 

Leggi anche:  WhatsApp: condividere video osceni è un reato

Graham Cluley, esperto del settore degli antivirus ed attualmente consulente indipendente per la sicurezza informatica ha tempestivamente commentato l’attacco dicendo : “È certamente imbarazzante per una compagnia di sicurezza essere colpiti in questo modo da hacker, ma non vi è alcuna indicazione che dati sensibili ed informazioni degli utenti siano stati compromessi.” 

Noi naturalmente, sopratutto per il sito di Whatsapp che serve milioni di utenti, speriamo che nessun dato sia stato rubato e venga utilizzato in modo anomalo. I tre siti internet comunque al momento sono tornati alla normalità e sicuramente la falla è stata richiusa e adeguatamente protetta però vedere come un gruppo di persone riescano a mettere in ginocchio seppur per poco tempo delle società che si occupano proprio di proteggerci da tutto questo è molto poco rassicurante.

Forse è vero che le prossime guerre non si combatteranno con le armi ma a colpi di mouse.

[via]