nexusae0_image-4-mlod-with

Ogni giorno sentiamo parlare di possibili attacchi Malware ai nostri Smartphone del mondo Android e sono sempre più frequenti le voci di possibili attacchi da parte di App. non proprio sicure installate nei nostri terminali mobili ed altrettanto  sentiamo spesso persone che vogliono venderci qualcosa per farci sentire più al sicuro.

E’ innegabile che i Malware in un sistema aperto come Android risultino essere un vero e proprio problema, ma proprio per questo Google ha deciso di farci sentire la sua voce a riguardo affermando che che solo una microscopica percentuale di applicazioni riescono ad evadere i controlli di sicurezza del Play Store.

Adrian Ludwig, capo della Google Security, alla conferenza di Berlino ha stimato che solo una bassissima percentuale di malware, esattamente lo 0,001% sono in grado di superare le difese di Google. Pensando al numero di applicazioni sul Play Store la percentuale è davvero molto esigua anche se comunque non deve essere sottovalutata.

Google stima che la maggior parte delle applicazioni malware su Android sono quelle che si installano via APK e non tramite il Play Store, le quali hanno avuto un numero di installazioni pari ad 1,5 miliardi. C’è da dire che non tutti gli utenti hanno la “Verifica delle Applicazioni” attiva su Android, ecco perchè vi ricordiamo di controllare il vostro device.

Leggi anche:  Unieuro, nel nuovo volantino tanti smartphone Android in saldo ed un regalo per tutti

Solo lo 0,5% del totale di 1,5 miliardi di installazioni ha restituito all’utente un messaggio di possibile pericolo in seguito all’installazione di determinate app. Di questo 0,5%, Google stima che il 40% è rappresentato dai tool creati dalle community per effettuare il root, un altro 40% è invece rappresentato da applicazioni fraudolente, il 15% invece da spyware ed il 6% da altre app maligne che non rientrano in nessuna delle categorie precedenti.

In ogni caso, vi ricordiamo di fare molta attenzione, in particolar modo quando non siete sicuri di scaricare un file al di fuori del Play Store, e anche quando vi possano venire dei dubbi a riguardo di un’applicazione sospetta all’interno di quest’ultimo.

Via