Samsung-Galaxy-Note-3-drop-test

Galaxy Note III di Samsung è di sicuro uno dei telefoni più ambiti del momento e tantissimi utenti stanno pensando di acquistarlo. Quindi dopo aver capito che lo smartphone a livello hardware è un mostro di potenza si va ad analizzare tutti gli altri aspetti, dimensione, peso e naturalmente da non trascurare la resistenza agli urti

I ragazzi di Android Authority infatti sembrano tenere molto a questo aspetto tanto da essere andati a comprare un Note III nuovo di zecca per andarlo poi a buttare per terra e vedere quanto è resistente alle cadute accidentali che nella vita quotidiana potrebbero non mancare.

Ecco il video:

Come potete notare dalla clip il telefono pur avendo delle dimensioni generose è abbastanza resistente agli urti ma purtroppo non esce illeso da nessuno dei test eseguiti un po’ come successo con le prove su Galaxy S4.

Nel primo test il telefono cade con la parte posteriore e oltre a riportare qualche danno alla scocca fotocamera che è leggermente rialzata rispetto al resto non sembra riportare malfunzionamenti.

Nella caduta più comune e cioè quella su un lato del telefono i danni sono invece maggiori e vediamo infatti dei segni sulla scocca e la parte posteriore della stessa sollevata, nessun danno invece al display che sembra ben protetto e comunque il telefono funziona ancora perfettamente.

Leggi anche:  Galaxy S8: ecco il codice per un incredibile sconto

Nella terza e ultima prova il telefono cade invece con lo schermo con il risultato di un bel display rotto all’istante e quindi con le conseguenti imprecazioni varie nel caso si tratti di una caduta accidentale. Il telefono anche in questo caso comunque funziona ancora ed eventualmente potete chiamare un amico e sfogarvi con lui per quanto appena accaduto.

Morale della favola, se avete intenzione di comprare un Galaxy Note III state molto attenti alle cadute perchè il telefono, come dimostrato con altri prodotti Samsung, è resistente si ma fino a un certo punto e comunque in modo inferiore rispetto ai concorrenti.

Forse gli unici felici di questa notizia sono le aziende produttrici di cover protettive.

[via]