busybox

Molti di voi che eseguono il root vedono sempre questo programma ad esso associato, BusyBox.

Sicuramente vi starete chiedendo qual’è il suo scopo e a cosa serve (ovviamente non tutti i più esperti sanno benissimo a cosa serve) ma per tutti coloro che ne sono al oscuro, cercherò di darvi la spiegazione più semplice possibile, ovvero Busybox è una raccolta dei vari comandi in ambiente linux con lo scopo di far girare efficacemente gli script, qui sotto vi riporto la descrizione dettagliata presa da Wikipedia:

BusyBox è un software libero, rilasciato sotto la GNU General Public License, che combina diverse applicazioni standard di Unix in un piccolo eseguibile. BusyBox può fornire la maggior parte delle utility menzionate nel Single Unix Specification ed in aggiunta altre che un utente si aspetterebbe di vedere su un sistema GNU/Linux. Il programma viene solitamente utilizzato in un singolo floppy disk o, grazie alle sue ridotte dimensioni, in sistemi Linux embedded, anche se comunque viene utilizzato anche in alcune distribuzioni Linux per lo Sharp Zaurus e il Nokia 770. Secondo la project home page, BusyBox è “Il coltellino svizzero del Linux embedded”, ed è spesso in coppia con uClibc per i sistemi Linux embedded. Originariamente scritto da Bruce Perens, nel 1996, lo scopo di BusyBox era di mettere un sistema completo su un solo floppy che sarebbe stato sia un rescue disk sia un installer per la distribuzione Debian GNU/Linux. È divenuto poi uno standard de facto per i dispositivi Linux embedded e nella installazione delle distribuzioni. Prima di questo ogni eseguibile Linux richiedeva diversi kb, ora invece con BusyBox, che combina più di duecento programmi insieme, viene utilizzato poco spazio.

Tramite il root viene sempre installata la versione free, ora sul Play Store e solo per due giorni è in offerta la versione pro che si differenzia dalla free per le features presenti qui sotto:

  • funzione di backup
  • funzione per la disinstallazione
  • funzione avanzata per l’installazione Smart
  • possibilità di scegliere le applets desiderate
  • controllo sicuro delle applets mancanti all’avvio
  • miglior supporto in generale
  • auto update
Leggi anche:  Vodafone non smette di stupire: ecco la promozione per ricevere 50GB gratis

[app]stericson.busybox.donate&hl[/app]