batteriaLa potenza di elaborazione dei nostri dispositivi hi-tech (come smartphone, tablet, notebook, ecc.) è direttamente proporzionale al consumo di energia da parte dello stesso. Proprio per questo, oggi, una delle pecche di tali dispositivi è la bassa autonomia che riesce a garantirci una batteria.

Purtroppo, mentre lo sviluppo di componenti hardware come processori, schede grafiche, memorie è in continuo progresso, una rivoluzione in ambito delle batterie non si ha dal passaggio delle batterie al nichel a quelle a litio. Perciò voglio darvi alcune indicazioni in modo da salvaguardare nel miglior modo possibile la vita delle vostre batterie.

1) Evitare di scaricare completamente la batteria; contrariamente alle batterie al nichel, le batterie a litio non soffrono dell’effetto memoria: questo ci permette di effettuare ricariche parziali e frequenti, mantenendo inalterato lo stato della batteria. Buona norma è scaricarla completamente ogni 30 cicli di carica/scarica per effettuare una ricalibrazione (se ignori questo accorgimento il sensore di carica della batteria diventerà  sempre meno accurato e, in qualche caso, la batteria non funzionerà  più come prima).

2) Se non utilizzi il dispositivo (o non hai bisogno della batteria) per molto tempo, ricordati di rimuoverla e conservarla in un posto freddo (l’ideale é zero gradi, già a 25 gradi la batteria perde il 16% di carica in più rispetto alla temperatura ideale di zero gradi). Inoltre è consigliato conservarla con circa il 40% di carica (in modo che i circuiti interni abbiano energia sufficiente per lavorare).

Leggi anche:  iPhone: arriva la nuova gestione della batteria per evitare i rallentamenti

3) La durata delle batterie agli ioni di litio ha una data di scadenza: in pratica invecchia dal momento in cui viene prodotta. Evita quindi di comprarne una di scorta e, se davvero ti serve, controlla sempre la data di “costruzione”. Non lasciarti allettare insomma da “vecchie” batterie magari vendute sottocosto… c’è un motivo per cui vogliono sbarazzarsene.

4) Il peggior nemico di tali batterie è il calore: la scarsa durata delle batterie é dovuta più al calore, che ai cicli di scarica-carica. Perciò evita di lasciare qualunque oggetto dotato di batteria sotto il sole diretto o in auto a cuocere, e quando hai finito di ricaricarla, stacca subito il caricabatterie. Se usi il portatile collegato alla corrente, potresti toglierla e rimetterla solo in caso di necessità.