bandiera_ue

Potrebbe essere in arrivo una vera e propria rivoluzione nel campo delle telecomunicazioni e non per l’arrivo sul mercato di un nuovo dispositivo ma per una proposta dell’Unione Europea.

Il punto da cui vuole partire l’UE è la fine del roaming, Bruxelles punta alla creazione di un mercato unico nel settore delle telecomunicazioni che porti ad una ‘razionalizzazione’ del numero di operatori presenti sul mercato europeo e che quindi garantisca il superamento della frammentazione di cui è attualmente soggetto il mercato.

Nei 28 stati membri dell’UE sono infatti presenti oltre cento operatori mobili contro solo i quattro che operano negli Stati Uniti d’America. La proposta sarà discussa mercoledì 11 settembre dal parlamento europeo con l’obiettivo che venga adottata entro il prossimo aprile.

Altra idea balorda dell’Unione Europea? Molto probabilmente si. Forse cento operatori sono troppi in una sola nazione, ma l’Europa si può considerare veramente unica come lo sono gli Stati Uniti? Direi proprio di no. Poi mi chiedo come debba avvenire la riduzione degli operatori e quali siano quelli che dovrebbero sparire. Teniamo anche presente che gli operatori devono dire ancora la loro e non credo si facciano da parte tanto facilmente senza dare battaglia, legale, all’Europarlamento che porterà, per pagare tali beghe, l’aumento delle tariffe e quindi ne pagheremmo noi tutte le conseguenze. Per non parlare di eventuali posti di lavoro che si potrebbero perdere.

Leggi anche:  Fastweb Mobile: da oggi basta costi di Roaming anche in Svizzera

Complimenti vivissimi alle idee strampalate dell’Unione Europea.

via