telecomitalia_02-520x245

Dopo la proposta di Hutchinson Whampoa, la fusione sembra sempre più vicina

Sembra ormai sempre più vicina la fusione tra Telecom Italia e H3G, lo stesso Franco Barnabè ha detto che lo scorporo della rete porterebbe benefici a Telecom Italia, la separazione dell’ultimo miglio dovrebbe portare alcuni benefici con rivalutazione dell’asset, ma di certo la fusione sembra tutt’ora la migliore soluzione per portare liquidità in cassa e creare nuove sinergie:

Con la separazione si avranno dei benefici regolatori compresa l’eliminazione del pricing orientato ai costi per l’Ngn, la stabilità dei ricavi per la rete d’accesso e una maggior flessibilità sulle nostre operazioni commerciali. Inoltre, potremo ottenere ulteriori fondi per maggiori investimenti nel caso in cui parte dell’infrastruttura venisse venduta alla Cassa Depositi e Prestiti.

Bernabè non mai nascosto il suo parere positivo per l’eventuale fusione con il colosso cinese, ritenendo il mercato delle TCL troppo frammentato:

Con 3 Italia continuiamo un’analisi approfondita nel settore del mobile. Ma non aggiungo altro per i rapporti di confidenzialità con Hutchison Whampoa.

Leggi anche:  Telecom: sono ancora presenti in Italia utenti che navigano su linea rigida