A pochi mesi dal lancio del suo smartphone di punta, la Samsung ha immesso sul mercato il nuovissimo Galaxy Note 2, successore del Galaxy Note sia nelle dimensioni che nel target di riferimento.

Grazie alla dimensione del suo display il Galaxy Note 2 può sicuramente essere considerato come un ibrido tra uno smartphone ed un tablet. Infatti è troppo grande per essere considerato un vero e proprio smartphone, ma anche troppo piccolo per essere un tablet. Lo si può trovare nei negozi ad un prezzo base di circa 700 euro, ma navigando con attenzione sulla rete è possibile trovare il prezzo più basso del  Galaxy Note 2 al prezzo più basso.

Nonostante siano due device concettualmente diversi, proviamo a fare un confronto tra il nuovo gioiello della Samsung ed il Google Nexus 7, il nuovo tablet immesso sul mercato dai genitori del sistema operativo Android, anche per capire a quale target di pubblico possono essere destinati.

Sicuramente il Note 2 parte avvantaggiato rispetto al Nexus 7 per due motivi. Il primo è quello della presenza della parte telefonica, ma essendo nato come smartphone non poteva essere altrimenti, il secondo è quello relativo alla memoria, 32 GB espandibile quella della versione base del Note 2, 16 GB non espandibile quella della versione base del Nexus 7.

Dal punto di vista del prezzo sicuramente il Nexus 7 vince su tutta la linea, con un costo decisamente più abbordabile rispetto al Galaxy Note 2. Inoltre sul web c’è un sito dove si può acquistare il nuovo Google Nexus 7 al prezzo più scontato della rete.

Entrambi i device sono equipaggiati con la versione di Android 4.1 Jelly Bean, però la versione del Nexus 7 è stata totalmente ottimizzata per il tablet, con tutte le applicazioni più utili ed in voga già preinstallate dagli ingegneri di Google.

Lo schermo più grande gioca a favore del Nexus 7, ma la maneggevolezza va dalla parte del Note 2, che mette anche a disposizione il nuovissimo pennino S Pen, che ti permette di rispondere alle email scrivendo a mano libera come su di un foglio. Il cuore dei due dispositivi è un quad core con poche differenze, mentre la RAM installata sul Note 2 è doppia, anche se questo non si fa sentire in termini di prestazione sul Nexus 7.

Per quanto riguarda la parte multimediale non ci sono tantissime differenze, vista la qualità dei due display, però sicuramente lo schermo un po’ più grande del Nexus 7 permette una visione d’insieme dei video e delle immagini leggermente migliore.

La batteria del Nexus 7 invece vince nettamente il confronto, permettendo un utilizzo intenso del tablet con una decina di ore di autonomia, anche se il Galaxy Note 2 permette di arrivare a fine giornata di lavoro in tranquillità.

Alla fine dei conti possiamo dire che il Note 2 è un ottimo smartphone, che può essere usato come un tablet, ma con un costo decisamente poco accessibile, mentre il Nexus 7 ha un miglior rapporto qualità prezzo ma risente della mancanza della parte telefonica. A voi la scelta.