Siete stufi, ogni volta che aprite il Navigatore, di dover star in attesa un quarto d’ora prima che si colleghi ai satelliti GPS? Bè, lo siamo anche noi e proprio per questo oggi abbiamo intenzione, con una semplice guida, di porre fine a questa inutile attesa! Premetto fin da ora che, ovviamente, prima di proporvi la seguente guida, il tutto è stato testato sui nostri terminali con risultati più che soddisfacenti! Infatti, dopo aver applicato qualche piccolo accorgimento, siamo riusciti ad ottenere un tempo di fix dei satelliti pari a solo 30 secondi (da dentro casa). Ok, cominciamo. Ecco i requisiti:

Smartphone Android con sensore GPS (Chiaramente).

Root abilitato (per andare a modificare un file di sistema).

File Manager in grado di montare in scrittura la partizione di sistema .

L’applicazione GPS Status, di cui vi postiamo subito il download:

[app]com.eclipsim.gpsstatus2[/app]

Per ridurre il più possibile il livello di difficoltà della guida, vi abbiamo anche preparato il file di cui avete bisogno, già moddato a dovere. Quindi, non vi resta che sostituirlo all’originale, senza perdervi in lunghe ed inutili procedure. Inoltre, per evitare problemi di qualsiasi tipo, vi abbiamo preparato anche uno script in grado di eseguire in un secondo, il backup del vostro attuale file, copiandovelo sul desktop. Ecco il link download:

Scarica TecnoAndroid_GpsBackup.zip – con il nostro link Mediafire

Ricordiamo che, affinché l’operazione vada a buon fine, i drivers del vostro dispositivo devono essere già installati sul PC, e sul telefono deve essere attiva la modalità Debug USB.

Dopo aver eseguito il backup (ricordiamo che è facoltativo, serve solo qualora doveste riscontrare problemi), passiamo alla guida vera e propria.

Innanzitutto, scaricate il file moddato che vi abbiamo preparato:

Scarica gps.conf – con il nostro link Mediafire

Dopodiché, collegate il vostro smartphone al PC in modalità archivio USB, e copiate il file all’interno della Memory Card (o dove preferite, purché sia accessibile dal telefono). Fatto questo, dovrete sostituirlo a quello attuale, presente nella cartella /etc, per i meno esperti, ecco un video della procedura da seguire (noi abbiamo utilizzato Es File Manager):

[app]com.estrongs.android.pop[/app]

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=bRZbLUosBXQ’]

Dopo aver riavviato lo smartphone (mi raccomando, fatelo!),  aprite l’applicazione GPS Status (installata inizialmente) e selezionate:

1) Strumenti -> Gestisci stato A-GPS -> Ripristina.
2) Strumenti ->Gestisci stato A-GPS -> Scarica.

Fatto questo, non vi resta che riaprire un’ultima volta l’applicazione GPS Stauts ed attendere che esegua il fix dei satelliti. Ecco un video con il nostro risultato:

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=og74YT3dX0c&feature=youtu.be’]

Abbiamo eseguito il test in ambiente chiuso (casa) e, come avete potuto vedere, il risultato è sorprendente: lo smartphone si è agganciato a 10 satelliti in soli 30 secondi! Davvero un ottimo risultato! E voi, cosa ne pensate?