Negli scorsi giorni abbiamo visto apparire Android 4.0.4 in forma ufficiale, ma non completa in tutte le sue parti. Adesso il rilascio sembra arrivato nella sua fase conclusiva.

Ricapitolando velocemente, nella serata del 28 marzo Google ha rilasciato l’aggiornamento incrementale OTA (over the Air) per i possessori del Nexus S con Android 4.0.3.

Quindi, poche ore dopo è stato rilasciato il codice sorgente completo di driver (Binaries) aggiornati per i dispositivi Google: ciò ha permesso di creare aggiornamenti completi per Nexus S e Galaxy Nexus quasi del tutto simili a quelli che sono stati rilasciati oggi.

Oggi infatti sono state rilasciate le “immagini” complete di sistema per Galaxy Nexus e per la prima volta per Nexus S. Queste immagini (ROM) sono complete, includono infatti anche gli aggiornamenti del Bootloader e della Radio. Un’altra piccola variazione dovrebbe essere l’aggiornamento del kernel, con qualche miglioramento rispetto a quello precedente. Per chi come me ha montato un kernel modificato sulla 4.0.4  basata sui sorgenti, non cambia assolutamente nulla, anche se aggiornerò all’immagine ufficiale.

Leggi anche:  Doppio aggiornamento di Google Play Store in poche ore: ve ne siete accorti?

L’installazione di queste immagini riporta il dispositivo ad uno stato di fabbrica, ma aggiornato all’ultima versione di Android!

L’installazione di queste immagini è riservata ad utenti esperti, che le possono trovare qui. Come potete vedere le immagini sono universali, non importa il telefono che provenienza abbia, basta scaricare l’immagine corretta per il proprio dispositivo.

Dopo un giorno di uso intenso di Android 4.0.4 si nota davvero la differenza. Il changelog non ufficiale trapelato negli scorsi giorni per NexusS si rispecchia perfettamente su Galaxy Nexus: potete trovarlo in questo articolo.

Non posso dare impressioni sulla durata della batteria, perchè non sto usando il kernel originale. Ma un grande problema che affligeva il Galaxy Nexus è stato risolto: il volume dello speaker posteriore è ora molto più alto! Si pensava che fosse un problema hardware, quindi non risolvibile: è bastato invece un semplice aggiornamento.